Oggi lunedì 13, la 26ª Fiera Internazionale del Libro La Habana 2017, entra nel suo 5º giorno. Anche oggi nella sede principale de La Cabaña e nelle altre sedi del Vedado continuano a ritmo di libri le attività alle quali l’appuntamento invita nel suo capitolo della capitale, sino al prossimo 19 febbraio . Poi la Fiera si estenderà sino al 16 aprile nel resto delle province.
La  partecipazione di 46 paesi che hanno portato nella capitale le loro proposte per realizzare un fruttifero scambio culturale e la presenza dei libri situati nella Grande Libreria e nei rispettivi stands delle case editrici, colorano il paesaggio della Fiera, dove si succedono le presentazioni e gli incontri che allo loro conclusione cedono lo spazio ad altri previsti in un permanente ambiente letterario.
Nella seconda giornata si sono svolti vari colloqui  in cui è stato analizzato il pensiero, con la vita del Comandante in Capo Fidel Castro, amante instancabile della lettura,  per rendere un meritato omaggio al principale gestore della Fiera del Libro mentre nel padiglione del Canadà,  paese invitato d’onore della Fiera, si svolgono le presentazioni dei libri degli scrittori di questo paese, con spazi per incontri dove si parla con loro di letteratura.
I premi nazionali di Letteratura e Scienze  Sociali sono stati assegnati, e per oggi si prevedono le consegne dei premi nazionali di Edizione e di Disegno del libro. Stamattina inoltre comincia nel Centro Dulce María Loynaz il VII Incontro dei Giovani scrittori dell’America Latina e dei Caraibi e nel Hotel Meliá Habana si realizzerà l’Incontro degli editori  Cuba-Stati  Uniti. 
L’opera di Armando Hart Dávalos, intellettuale e politico al quale è dedicata la Fiera,  è presente per tutta la settimana nel Centro degli Studi Martiani e  nel Memoriale José Martí.