LE RIFLESSIONI DI FIDEL

 

PER I MIEI COMPAGNI DELLA FEDERAZIONE STUDENTESCA  UNIVERSITARIA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il leader della Rivoluzione Cubana, Fidel Castro, ha inviato un messaggio alla Federazione Studentesca  Universitaria in occasione del 70º anniversario del suo ingresso nell’Università de L’Avana.

 

Cari compagni,:

 

Dal 2006, per questioni di salute incompatibili con il tempo e lo sforzo  necessari per compiere un dovere — che mi imposi quando entrai in questa Università il 4 settembre del 1945, 70 anni fa - io ho rinunciato ai miei incarichi.

Non ero figlio d un operaio, non mancavo di risorse materiali e sociali per un’esistenza relativamente comoda ; posso dire che scappai miracolosamente dalla ricchezza.

Molti anni dopo il nordamericano più ricco e indubbiamente molto capace, con quasi 100.000 milioni di dollari, ha dichiarato  - come ha pubblicato un’agenzia di notizie lo scorso giovedì 22 gennaio -  che il sistema di produzione e distribuzione privilegiata delle ricchezze trasformerà di generazione ingeneratone i poveri in ricchi.   

Dai tempi dell’antica Grecia, per quasi 3.000 anni, i greci, senza andare molto lontano, furono brillanti in quasi tutte le attività: fisica, matematica, filosofia, architettura, arte, scienza, politica, astronomia e altri rami della conoscenza umana.

La Grecia senza dubbio era un territorio di schiavi che realizzavano i lavori più duri nelle campagne e nelle città, mentre un’oligarchia si dedicava a scrivere e filosofare. La prima utopia è stata scritta precisamente da loro.

Osservate bene le realtà di questo conosciuto, globalizzato e mal diviso pianeta Terra, dove si conosce ogni risorsa vitale depositata in virtù di fattori storici: alcuni con molto meno di quello che necessitano e altri con tanto che non sanno che farsene. Nel mezzo, adesso, di grandi minacce e pericoli di guerra, regna il caos nella  distribuzione delle risorse finanziarie e nella ripartizione della produzione sociale.

La popolazione del mondo è cresciuta tra il 1800 e il 2015 da mille milioni a settemila milioni di abitanti. Potranno risolversi in questa forma l’incremento della popolazione nei prossimi anni e le necessità di alimenti, salute, acqua e case che avrà la popolazione mondiale, pur con tutti i passi avanti della scienza ?

Bene, ma lasciando da parte questo enigmatico problema, stupisce pensare che l’Università de L’Avana nei giorni in cui io mi iscrissi in questa prestigiosa e amata istituzione quasi tre quarti di secolo fa, era l’unica che c’era in Cuba.

Sicuramente compagni studenti e professori, dobbiamo ricordare che non si tratta di una, ma che oggi contiamo con più di cinquanta centri d’educazione superiore ripartiti in tutto il paese.

Quando m avete invitato a partecipare all’apertura della giornata per il 70º anniversario dell mio ingresso nell’Università, cosa che ho conosciuto con sorpresa, e in giorni carichi di diversi temi nei quali posso essere forse ancora relativamente utile, decisi di riposare dedicando alcune ore al ricordo di quegli anni. 

Mi sbigottisce  scoprire che sono passati 70 anni. In realtà, compagni e compagne, se mi iscrivessi di nuovo a quest’età come qualcuno m chiede, risponderei senza avere dubbi che sarebbe ad una facoltà scientifica, e laureandomi direi come Guayasamin, lasciatemi un lumino acceso.

In quegli anni, già con l’influenza di Marx, riuscii a capire di più e meglio lo strano e complesso mondo nel quale a tutti noi corrisponde vivere.  Riuscii a prescindere dalle illusioni borghesi, i cui tentacoli riuscirono a intrappolare molti studenti, quando possedevano meno esperienza e meno ardore. Il tema sarebbe lungo e interminabile.  

Un latro genio dell’azione rivoluzionaria, fondatore del Partito Comunista, fu Lenin.

Per questo non dubitai un secondo quando nel processo della Moncada al quale mi permisero d’assistere, anche se una sola volta, dichiarai davanti ai giudici e a decine di alti ufficiali batistiani che eravamo lettori di Lenin.

Di Mao Zedong non si parlò, perchè non era ancora terminata la Rivoluzione Socialista in Cina, ispirata da identici propositi.

Avverto che indubbiamente le idee rivoluzionarie devono stare sempre in guardia nella misura in cui l’umanità moltiplica le sue conoscenze.

La natura c’insegna che possono essere trascorsi decine di milioni di anni luce  e la vita in qualsiasi delle sue manifestazioni è sempre soggetta alle più incredibili combinazioni d materia e radiazioni. 

Il saluto personale dei Presidenti di Cuba e degli Stati Uniti è avvenuto al funerale di  Nelson Mandela, insigne ed esemplare combattente contro l’Apartheid, che era amico di Obama.

Basta segnalare che già in quella data erano trascorsi vari anni da quando le truppe cubane avevano sconfitto in forma schiacciante l’esercito razzista del Sudafrica,  diretto da una borghesia ricca e con enormi risorse economiche.

Questa è la storia di una guerra che si sta per scrivere.

In Sudafrica il governo con più risorse finanziarie di questo continente possedeva armi nucleari fornite dallo stato razzista d’Israele, in virtù di un accordo tra questi e il  presidente Ronald Reagan, che  diede l’autorizzazione di consegnare quei dispositivi per l’uso di tali armi, con le le quali colpire le forze cubane e angolane che difendevano la Repubblica Popolare dell’Angola contro l’occupazione di quel Paese  da parte dei razzisti. In quel modo si escludeva ogni negoziato di pace, mentre l’Angola era attaccata dalle forze dell’Apartheid con l’esercito più addestrato ed equipaggiato del continente africano.

In quella situazione non c’era alcuna possibilità per una soluzione pacifica.

Gli incessanti sforzi per liquidare la Repubblica Popolare dell’Angola, per dissanguarla sistematicamente con il potere di quel ben addestrato e equipaggiato esercito, furono quello che determinarono la decisione cubana di assestare un colpo violento ai razzisti, a Cuito Cuanavale, antica base della NATO, che il Sudafrica cercava di occupare ad ogni costo.

Quel prepotente paese fu obbligato a negoziare un accordo di pace che pose fine all’occupazione militare dell’Angola e fu la fine dell’Apartheid in Africa.

Il continente africano fu liberato dalle armi nucleari. Le truppe internazionaliste cubane si ritirarono con onore dall’Africa.

Sopravvenne allora il periodo speciale in tempo di pace, che è durato già 20 senza alzare bandiera bianca, una cosa che non abbiamo fatto e non faremo mai.

Molti amici di cuba conoscono l’esemplare condotta del nostro popolo e a loro spiego la mia posizione essenziale con brevi parole.

Non ho fiducia nella politica degli Stati Uniti e non ho scambiato una parola con loro, senza che questo significhi, nè tanto meno, un rifiuto ad una soluzione pacifica dei conflitti e dei pericoli di guerra. Difendere la pace è un dovere di tutti.

Qualsiasi soluzione pacifica e negoziata ai problemi tra gli Stati Uniti e i popoli o qualsiasi popolo dell’America Latina che non implichi la forza o l’impegno della forza, dovrà essere trattata in accordo con i principi e le nome internazionali.

Difenderemo sempre la cooperazione e l’amicizia con tutti  i popoli de mondo e tra loro quelli dei nostri avversari politici. È quello che reclamiamo per tutti.

Il Presidente di Cuba ha fatto dei passi pertinenti in accordo con le sue prerogative e le facoltà che gli concedono l’Assemblea Nazionale e il Partito Comunista di Cuba.

I gravi pericoli che oggi minacciano l’umanità dovranno cedere il passo a norme che siano compatibili con la dignità umana. Da questi diritti non è escluso nessun paese.

Con questo spirito ho lottato e continuerà a lottare sin all’ultimo respiro.

 

Fidel Castro Ruz
26 gennaio del 2015

 

         

 

Il verme e la mela... Seconda epistola di Fidel

Discorso pronunciato di Fidel Castro  per il  il 1° Maggio 2004

Il discorso di Fidel per il 51º Anniversario dell’assalto alle Caserme Moncada e Carlos Manuel de Céspedes

“Condannateci, non importa.  La storia ci assolverà”!

Discorso di Fidel per il 52° anniversario del Moncada

Il messaggio di Fidel,   sulle nuove aggressioni economiche degli USA e sulla risposta cubana Discorso di Fidel Castro  nella chiusura del VII Congresso dell’unione di Giovani Comunisti
Fidel Castro denuncia la diffamazione della rivista Forbes Li sfido a provare che posseggo anche un solo dollaro! Proclama del Comandante en Jefe al pueblo de Cuba Messaggio di Fidel Castro al popolo di Cuba ed agli amici del mondo

Messaggio di Fidel Castro ai partecipanti alle celebrazioni del suo 80º compleanno

La macchina per uccidere Bisognoso d’affetto NON AVRANNO MAI CUBA
Un argomento in più per il Manifesto BUSH, LA SALUTE E L’EDUCAZIONE Terza riflessione sui Giochi Panamericani LA POLITICA E LO SPORT

La costanza scritta

IL FURTO DI CERVELLI

QUINTA RIFLESSIONE SUI GIOCHI PANAMERICANI

RIFLESSIONE SULLE DURE ED EVIDENTI REALTÀ

La ripugnante compra-vendita degli atleti LA Rivoluzione  energetica: Cuba torna a dare l’esempio

L’IMPERO E L’ISOLA INDIPENDENTE

Sconfitta morale senza precedenti dell’impero

LA SOTTOMISSIONE ALLA POLITICA IMPERIALE

Quello che si proibisce a Cuba   L’IMPERO E LA MENZOGNA

IL SILENZIO COMPLICE

IL DIALOGO CON CHAVEZ Menzogne deliberate, strane morti ed aggressione all’economia mondiale

 LA WATERLOO IDEOLOGICA

Un ennesimo argomento per le Nazioni Unite

Il silenzio di Aznar

Bush, la fame e la morte

RICORDANDO CHE GUEVARA

In Onore di Sergio del Valle

Il regalo dei Re

L’antitesi dell’etica Il transito di Volodia Il valore delle idee

LA FATTURA DEL PETROLIO E LO SVILUPPO

UN POPOLO SOTTO IL FUOCO

Il titano di  ferro, Antonio Maceo

Caro Randy

LULA

LULA
2a parte

LULA
Terza Parte

LULA
Quarta  parte

IL CANDIDATO REPUBBLICANO
Prima Parte

IL CANDIDATO REPUBBLICANO
Seconda parte
IL CANDIDATO REPUBBLICANO
Terza Parte

IL CANDIDATO REPUBBLICANO
Quarta Parte

IL CANDIDATO REPUBBLICANO
Quinta Parte
Quel  che ho scritto martedì 19 Chi vuole entrare nell’ immondezzaio? E L'ISOLA E' GIA' NEL SUO FUTURO

Spero di non dovermi

vergognare

 

A proposito di Cuba, di Fidel Castro Ruz, del Novecento e del comunismo I CRISTIANI SENZA BIBBIE L’addio prematuro

RAFAEL CORREA

L’UNICO PERDENTE

LA VISITA DI CHAVEZ

SEMPRE VERSO L’ALTO

Al popolo della Cina

Riprende a Miami la campagna per l’arresto di Posada Carriles

Sete di sangue
Prima parte
SETE DI SANGUE
SECONDA PARTE

IL VIAGGIO TRIONFALE

Bush nel cielo
 prima parte

BUSH NEL CIELO 
seconda parte

IL DISTACCAMENTO RITORNA INVITTO

I vivi e i morti


BUSH, LA GUERRA E LA LOTTA A MORSI PER UN PEZZO DI VITA

NON FARE CONCESSIONI ALL’IDEOLOGIA NEMICA

BUSH, I MILIONARI, IL CONSUMISMO ED IL SOTTOCONSUMO

LO SCRITTORE CUBANO REPLICANTE E I GIORNALISTI-FOTOCOPIA

Bush, i milionari, il consumismo e il subconsumo

PACE E PROSPERITÀ

Il nostro spirito di sacrificio e il ricatto dell’impero

La politica cinica dell’impero Due lupi affamati e una Cappuccetto Rosso

Una prova del fuoco

La risposta emisferica  yanquee: la IV flotta d’intervento
Stati Uniti, Europa e diritti umani Salvador Allende, un esempio ininterrotto Il percorso di  McCain e l’evidente finalità della  IV Flotta

L’IMPOTENZA DELLE POTENZE

L’educazione a Cuba

Un colpo nucleare

L’OBIETTIVO
IRRINUNCIABILE

Un tema per meditare

KANGAMBA

SIAMO E DOBBIAMO ESSERE SOCIALISTI

LA LEGGE DELLA GIUNGLA

LA VERITÀ IN BATTAGLIA E IL LIBRO DI MARTIN BLANDINO
Prima Parte

IL SOCIALISMO DEMOCRATICO

L’AUTOCRITICA DI BUSH

IL VERO ED IL FALSO

I VIZI E LE VIRTÙ

L’IKE FINANZIARIO

La Chiesa  Ortodossa Russa

Il riposo Le due Coree
prima parte
LE DUE COREE
seconda parte

La pace romana

La sincerità e il coraggio d’essere umile

L’analfabetismo economico
Il terzo uragano L’incontro con Lula La riunione di Washington

Il parto delle montagne
prima parte

L’incontro con Hu Jintao ESTELA CALLONI IL G 20, il G 21 e il G 192 TRASPARENZA TOTALE

L'INGIUSTIFICABILE DISTRUZIONE DELL'ECOSISTEMA

L’incontro con Cristina L’undicesimo presidente degli Stati Uniti Decifrando il pensiero del nuovo presidente degli Stati Uniti
LE CONTRADDIZIONI TRA LA POLITICA DI OBAMA E L'ETICA
Rahm Emanuel
L’articolo di Chávez Sani cambi nel Consiglio dei Ministri 

Il mio incontro con Leonel Fernández, Presidente della Rep. Dominicana

Una riunione che è valsa la pena

La critica giusta e costruttiva

Quello che ho raccontato su Pichirilo
IL MIO INCONTRO CON ZELAYA Le angustie del capitalismo sviluppato L'importanza moraLe del Classico Gloria ai buoni!
Tutto era già detto Il preludio La Cina nelle notizie internazionali

LA MENZOGNA AL SERVIZIO DELL'IMPERO

L'INIZIO DEL VERTICE La canzone di Obama Perchè si esclude Cuba?

Quello che non ha detto Notimex

Con i piedi sulla terra

I SETTE CONGRESSISTI CHE CI VISITANO

Le contraddizioni nella politica estera degli Stati Uniti

INCONTRO CON BARBARA LEE E ALTRI MEMBRI DEL CAUCUS NEGRO
Notizie dalla Bolivia Notizie di Chávez e di Evo

Militari con criteri accertati

La OEA ha il diritto d’esistere?
Obama e il blocco

L’IMPERO E LA MENZOGNA

Sulle soglie della tragedia

Un’unghiata nell’assedio
da CubaDebate

LA ZAMPATA IN AGGUATO

L’INEVITABILE CONTESA

Sapere in tempo la verità

Come mi piacerebbe sbagliarmi!
(da CubaDebate)

La sollevazione  nella ONU (Prima parte)
da CubaDebate

Quel che non si potrà mai dimenticare

NOTIZIE A PROPOSITO DEL COLERA NELL’HAITI

IL DISCORSO DI EVO

LA RIBELLIONE RIVOLUZIONARIA IN EGITTO

Sette giorni senza morti di colera
da CubaDebate

L’impero  e il diritto alla vita degli esseri umani
da CubaDebate

Un calderone di grilli
da CubaDebate

LA FELICITÀ IMPOSSIBILE

Il messaggio di Fidel Agli economisti

Le origini della guerra
da CubaDebate
L’ALTRA TRAGEDIA
La vittoria strategica Convocazione  al Presidente degli Stati Uniti

Il gigante delle  sette leghe
PRIMA Parte

Il gigante delle sette leghe
SECONDA PARTE

Per caso esagero?

SONO OTTIMISTA SU BASI RAZIONALI

L’OPINIONE DI UN ESPERTO

MESSAGGIO AGLI STUDENTI UNIVERSITARI DI CUBA

Se io fossi venezuelano

L’infinita ipocrisia dell’Occidente

Piedad Córdoba e la sua lotta per la pace
DA cUBADEBATE
LA NATO, GENDARME MONDIALE

LA BATTAGLIA CONTRO IL COLERA

L’impero nel banco degli accusati

IL DISCORSO DI HUGO CHÁVEZ

HAITI: IL SOTTOSVILUPPO ED IL GENOCIDIO

Il maggior incentivo ai nostri sforzi

Il crimine contro la Congressista democratica

Il discorso di Obama in Arizona Lo stato dell’Unione

La sorte di Mubarak è segnata

È ORA DI FARE QUALCOSA

La guerra inevitabile della NATO
 
da Cubadebate

La NATO, la guerra, la falsità e gli affari – prima parte
da CubaDebate

Che direbbe  Einstein?

LA GRAVE CRISI ALIMENTARE

SETTE GIORNI SENZA MORTI PER COLERA

La NATO, la guerra, la falsità e gli affari – seconda parte
da CubaDebate

Le vere intenzioni della “Alleanza Egualitaria”
da Cubadebate

Tra l’emigrazione e il crimine
da CubaDebate

L’ALLEANZA EGUALITARIA

IL PIANO DELLA NATO È OCCUPARE LIBIA

LE SCARPETTE MI STRINGONO

CERTIFICATO DI BUONA CONDOTTA

Il disastro del Giappone e la visita di un amico
da CubaDebate

La Guerra Fascista della NATO
da CubaDebate

Le menzogne di  Clinton
da CubaDebate

MESSAGGIO DI FIDEL AI PARTECIPANTI AL XVII FESTIVAL MONDIALE DELLA GIOVENTÙ E GLI STUDENTI IN SUDAFRICA

Haiti: il sottosviluppo  e il  genocidio
DA CUBADEBATE

Il disastro del Giappone e la visita di un amico
da CubaDebate
La Battaglia di Girón
Prima parte

La sfilata del 50º Anniversario
da CubaDebate

I dibattiti del Congresso
da CubaDebate

La mia assenza dal  C.C.
da CubaDebate
La Battaglia di Girón
Seconda parte

Il Nord turbolento e brutale

Un fuoco che può bruciare tutti
da CubaDebate

La Battaglia di Girón
Terza parte

La battaglia di Girón quarto e quinto capitolo

Le menzogne e  le incognite nella morte di Bin Laden

L’insostenibile posizione dell’impero

da CubaDebate

Una dichiarazione brillante e coraggiosa
da CubaDebate

Chávez, Evo e Obama Prima Parte

CHÁVEZ, EVO ED OBAMA
SECONDA PARTE

Volontà d’acciaio Prima parte
da CubaDebate

La vergogna vigilata di Obama
da CubaDebate

Le due Venezuela
da CubaDebate

 Il ruolo genocida della NATO

La prodezza di Guadalajara
da CubaDebate

La Riunione del G-20 
da CubaDebate

La schiacciante vittoria di Daniel e del FSLN
da Cubadebate

Cinismo genocida
da Cubadabate

La pace mondiale pende da un filo
da Cubadebate

IL MIGLIOR PRESIDENTE PER GLI STATI UNITI

LA MARCIA VERSO L'ABISSO

La frutta che non è caduta  
da CubaDebate

I cammini che conducono al disastro
da CubaDebate

I TEMPI DIFFICILI DELL’UMANITA’

La necessità d’arricchire le nostre conoscenze
da CubaDebate
Il mondo meraviglioso del capitalismo
da CubaDebate

Le illusioni di Stephen Harper

Il Vertice delle guayaberas
da CubaDebate

Realtà edulcorate che si allontanano Dormire con gli occhi aperti

Il Premio Nobel della Pace
da CubaDebate

Quello che Obama conosce
da CubaDebate

Il 67º anniversario della vittoria sul nazi-fascismo
da CubaDebate

Un chiarimento onesto

GIORNI INSOLITI

FIDEL CASTRO STA AGONIZZANDO

ABBIAMO PERSO IL NOSTRO MIGLIORE AMICO

IL DOVERE D’EVITARE UNA GUERRA IN COREA
(DA CUBADEBATE)

HO VISSUTO PER LOTTARE!

 
   

 

   
   

 

   

info@siporcuba.it