SEZIONI

POLITICA  - CULTURA
CULTURA A CUBA
EDITORIALI PRECEDENTI
SPECIALE HUGO CHAVEZ
STORIA
AMERICA LATINA
ULTIME NOTIZIE
 
CUBA OGGI
OBAMA A CUBA
SPECIALE USA-CUBA

LA VITTORIA STRATEGICA

RIFLESSIONI DI FIDEL
RESISTENCIA EN HONDURAS
CORSO DI SPAGNOLO
speciale Marti'
OFF TOPIC
pagine DI UN POETA
SCARICA LIBRI CUBANI GRATIS
CUBANEWS
DALL'AMBASCIATA
CANESCIOLTO
RACCONTI  CUBANI
100$ PER UN AMORE
non solo CUBA
RACCONTO DEL MESE
MONDOCANE
uaicaterra  COLOMBIA
LA CUBA DI GIN
Corrispondenze da Cuba (esp.)
ULTIME DALLA COLOMBIA (esp)
GUERRA DELL'IMPERO
QUE ME CUENTAS
FIHAV 2018
 

ANNOTAZIONI E SPIGOLATURE CUBANE

a cura di
Gioia Minuti

 

PRESENTI NELLA SFILATA DEL 1º MAGGIO, MIGLIAIA DI AMICI DI ALTRI PAESI

 

Circa 1000 amici di Cuba provenienti da un centinaio di paesi hanno assistito alla sfilata del 1º Maggio dalla base del monumento a José Martí in Piazza della Rivoluzione de l’Avana...[segue SPECIALE 1° MAGGIO 2019]

 

speciale Siporcuba
sui 5 patrioti cubani
discorsi di Fidel

 

discorsi di Miguel Díaz-Canel Bermúdez


 

PL notizie, info e molto di piu'
il romanzo cult degli anni '90

Una storia d'amore nella Cuba dei primi anni '90, quando molti italiani scoprirono le gioie ed i sogni che Cuba riservava loro...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LE PIU' BELLE FOTO DI CUBA

le foto di Rod


juaicaterra
COLOMBIA

 
 
 

 

 

SANCTI SPÍRITUS SEDE DELLA MANIFESTAZIONE

 

 PER IL 26 LUGLIO


 

 

Il Burò Politico ha accordato di assegnare alla provincia di Sancti Spíritus la sede della manifestazione centrale commemorativa per il 71º anniversario dell’assalto alle caserme Moncada y Carlos Manuel de Céspedes. Questa decisione e stata presa considerando la stabilità della provincia nel compimento degli impegni principali negli ambiti economico, politico e sociale, ai quali hanno contribuito in maniera sostenuta i lavoratori della produzione, dei servizi, contadini, intellettuali e altri settori della società locale. Sancti Spíritus, come le restanti province, non è esente dalle complessità che vive il paese. Di fronte a queste insufficienze e problemi si apprezzano azioni indirizzate alla loro soluzione. La provincia ha sviluppato un sistema di lavoro e di coordinamento degli impegni garantiti dal vincolo diretto e sistematico delle strutture del Partito e del Governo con le comunità. Mantiene attenzione e controllo opportuni al compimento del Piano dell’Economia e del Bilancio, con risultati positivi nelle vendite nette totali, la circolazione mercantile al minuto, i fondi esportabili e la diminuzione delle imprese con perdite. Nella sfera agricola si constata il compimento della campagna del freddo. Le valutazioni del Gruppo Nazionale del Programma dell’Agricoltura Urbana, Suburbana e Familiare la indicano come una delle migliori province del paese. Mostra risultati favorevoli nei piani dell’industria alimentare. Ugualmente, riflette stabilità nei programmi di ampia portata sociale relazionati con educazione, sport e salute. Ha presentato un tasso di mortalità infantile del 4,7 per ogni mille nati vivi, al termine del 2023, e mantiene sino ad oggi il tasso di 2,7, il più basso del paese. Nella sfera della cultura si segnalano lo sviluppo del lavoro comunitario e la preservazione del patrimonio. La provincia mostra passi avanti nello sviluppo del turismo, del commercio interno e l’informatizzazione. Il sistema della gestione di scienza e innovazione, condotto dalla Direzione del Partito e del Governo, con la partecipazione attiva dell’Università «José Martí Pérez», mostra un favorevole impatto in differenti settori e nei progetti di sviluppo locale. Il Burò Politico ha accordato inoltre d’estendere questo riconoscimento al nostro eroico popolo che dimostra nei fatti e le realizzazioni concrete che non esistono forze, né imperi, per quanto poderosi siano, capaci di piegarci. La celebrazione del 26 di Luglio costituirà, come sempre, un momento di riaffermazione rivoluzionaria e di speciale impulso degli impegni economici, sociali e della difesa, portati avanti dal nostro popolo cosciente che è il miglior omaggio al nostro invitto Comandante in Capo Fidel Castro Ruz, al leader della Rivoluzione, Generale d’Esercito Raúl Castro Ruz, e a tutta la Generazione del Centenario.


CUBA  ATTUALITA'
  


 

UN SOGNO CHIAMATO ROCÍO DEL SOL

 

di Ronald Suárez Rivas


 

Pedro Cabrera lo confessa: da quando aveva cominciato a correre per queste colline, ed era appena un bambino, non aveva mai pensato che potevano diventare una destinazione turistica per migliaia di persone di Cuba e di altre parti del mondo. Per questo a volte gli sembra che non è una verità, che è solo un sogno dal quale si potrebbe risvegliare in qualsiasi momento; ma Rocío del sol, questo progetto che durante anni è stato gestito nei boschi del municipio pinaregno di Guane, diventa sempre più reale mentre si moltiplicano i sentieri e i punti d’osservazione, si ristrutturano le aree per i bagni e si costruiscono le cabine. Nel mezzo di una geografia sorprendente e piena di bellezze della flora e la fauna, è uno dei primi centri turistici di sviluppo locale sostenibile che si realizzano in Vueltabajo (l’altro si ubica nel municipio di La Palma), e parte dalla premessa di mantenere una relazione amichevole con l’ambiente. In ogni momento si è cercato di far sì che l’impatto sulla natura sia il minore possibile e che le costruzioni che sono già pronte o che si trovano in processo, non provochino movimenti di terra, grazie a strutture adeguate in legno, che si approfitti al massimo la luce solare, utilizzando materiali locali come il legno e le foglie di palma. Anche se c’è molto lavoro da fare, Pedro segnala che sono gia passate di qui circa 4.000 persone. «Qui abbiamo ricevuto visitatori di tutta la provincia e di altri paesi come gli Stati Uniti, la Germania, Spagna, Canadà…», dice. Rocío del sol è il risultato dello sforzo congiunto dell’Impresa Agroforestale Macurijes (responsabile di quest’area nella quale è situato il centro turistico e principale esecutore; il Governo municipale di Guane, in stretta collaborazione con l’Università Hermanos Saíz Montes de Oca e la direzione dello sviluppo territoriale del Governo di Pinar del Río. Il progetto conterà con un centro per i visitatori, 15 capanne per l’alloggiamento , il bar-caffetteria, il ristornante, le are per i bagni nelle piscine naturali formate dalle acque cristalline del fiume Guasimal. Inoltre conterà su un luogo per la meditazione e tre per il riposo nelle amache, una serie di opzioni tipiche del turismo nella natura, come le camminate, il sentierismo, le cavalcate, il canopy e le biciclette da montagna.
 



 

SFRUTTARE LA BELLEZZA


 

Il suo nome si riferisce a una delle due specie di piante insettivore che s’incontrano nella regione e sono comprese tra le attrazioni naturali, in un ambiente praticamente vergine, che comprende anche 16 tipi diversi de orchidee, 69 di uccelli e 72 specie forestali. «L’obiettivo di questa iniziativa è dare un valore aggiunto a questo patrimonio tanto ricco che abbiamo nella zona, con il fine di ottenere entrate che si possano investire di nuovo nello sviluppo del municipio e dell’Impresa Agroforestale, per la via del turismo», commenta Pedro e spiega che i due partecipano all’investimento con una partecipazione di 70 (Impresa) –30 (Governo municipale), e che in questa stessa proporzione si prevede la ripartizione dei guadagni. Di fatto afferma che anche se mancano molti oggetti nell’opera da terminare, il progetto genera già utili per le due parti. Tra le azioni già concluse ci sono i lavori per una prima area di bagni, i sentieri, due belvedere e un bar-caffetteria. A questo va sommata per l’estate una seconda area per i bagni, un altro belvedere e le prime sei capanne con capacità per 24 persone. Cabrera segnala che ci saranno tutte le comodità di questo tipo d’installazione con bagni confortevoli, acqua fredda e calda e televisione satellitare. Un disegno che rispetta i concetti dell’architettura bioclimatica fa sì che non è necessaria l’aria condizionata per mantenere la temperatura fresca tutto il tempo. Costruita dalla stragrande maggioranza degli stessi abitanti di questa appartata zona dell’occidente di Pinar del Río , l’installazione, tra le sue positività, ha dato lavoro sino ad ora a 54 persone. Questo è il caso di Roberto Ramos, che ha iniziato come falegname e oggi è dipendente del bar-caffetteria, o di José Ángel Izquierdo, che ha cominciato come muratore e oggi è agente di sicurezza e protezione. Nessuno dei due aveva pensato che questa parte del bosco poteva trasformarsi in quello che è già. «Nemmeno quando ho cominciato come falegname, ho creduto che tutto questo potesse trasformarsi in questa maniera», confessa Roberto. «Qui si è lavorato duro. Tuttavia non ci crediamo… non abbiamo ancora terminato, ma si vede già lo sviluppo e la gente sta venendo e se ne va compiaciuta», indica José Ángel. Lo conferma Justo Leiro, cubano residente negli Stati Uniti, che ha deciso di portare la sua famiglia a conoscere il posto e ora promette che tornerà. È il caso di Lisandra Barreto, che lo ha scelto per festeggiare il suo compleanno. «Sono incantato con questo. È molto bello e il servizio è eccellente», segnala Justo. Intanto Lisandra racconta che lo aveva visto nelle fotografie,ma che dal vivo e direttamente «è davvero molto più bello». Pedro Cabrera, il direttore, assicura che l’idea è che chi ha partecipato alla costruzione dell’installazione possa continuare a lavorare qui nei diversi servizi che si offriranno al pubblico o nei lavori di manutenzione. Quando vede le prospettive che si stanno aprendo in quest’area dove giocava da piccolo, confessa che è come un sogno che si trasforma in realtà. «Se prima ero orgoglioso di questo paesaggio, con tutte le bellezze che offre, ora lo sono anche di più».


 

IL BLOCCO È UNA VIOLAZIONE ASSOLUTA DEI DIRITTI UMANI


 

di Elizabeth Naranjo


 

Nel contesto della 89ª Sessione Plenaria della 78º Assemblea Generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite, in Nuova York, su 'Eliminazione delle misure economiche coercitive unilaterali extraterritoriali come mezzo di coercizione politica e economica', Cuba ha reclamato ancora una volta la fine del blocco economico, commerciale e finanziario imposto dagli USA. Il viceministro delle Relazioni Estere, Elio Rodríguez Perdomo, intervenendo nella sessione, ha denunciato che si osserva una tendenza «inaccettabile all’incremento» di queste sanzioni, che danneggiano gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, così come i piani nazionali per avanzare. Poi ha ricordato che il Governo statunitense applica le sanzioni da 62 anni e queste impediscono «l’inserimento nei mercati internazionali in uguali condizioni, in forma giusta e inclusiva. Il danno umano di questa politica è incalcolabile». Non c’è famiglia cubana che non soffra le conseguenze del blocco, che provoca la mancanza, l’instabilità nel rifornimento dei prodotti imprescindibili e di prima necessità», ha sostenuto.  Rodríguez Perdomo ha sottolineato che la situazione si e esacerbata con l’inserimento di Cuba nella lista dei presunti Stati patrocinatori del terrorismo. «Si tratta di una designazione senza fondamenta, autorità o supporto internazionale alcuno, per tentare di giustificare e indurire l’assedio», ha detto Come parte dell’appoggio internazionale nell’Assemblea, il ministro degli Esteri del Venezuela, Yván Gil, ha comunicato il suo appoggio all’arcipelago ed ha definito le misure «strumenti di dominio neoliberale» destinati al fallimento, nella misura in cui i popoli di alzano».


 

 

IL GIOCO D'AZZARDO A CUBA

 

 

L’iconografia di una Cuba prima della rivoluzione si basa su di una specie di Eden del piacere dominato dalla mafia e tacitamente approvato dal presidente Fulgencio Batista. Nei più sfarzosi hotel dell’Avana non era raro incontrare elementi come Lucky Luciano o Meyer Lansky che trasformarono la capitale cubana in un porto franco dell’illegalità dove tutto era consentito. Dal gioco d’azzardo alla prostituzione, ogni cosa era condita dalla corruzione di un potere politico alquanto disponibile quanto capace di approfittare di facili compensi. L’immagine di una Cuba felice tra ballerine e mambo suonati da abili orchestre, si scontrava con il quotidiano di milioni di poveri cubani che dovevano arrabattarsi solo per avere di che sopravvivere. Si può dire a posteriori che la dissolutezza a Cuba era originata dalla criminalità e dal potere politico, ovviamente tutelato da forze militari appositamente addestrate, che avevano trovato un denominatore comune. Ovvio che anche al di fuori dai patrii confini, la nomea che a Cuba ci si poteva divertire senza alcun limite, provocava una forte domanda turistica e non solo provenienti dai vicini Stati Uniti. Al giorno d’oggi, trascorsi diversi decenni dal trionfo dei barbudos che rovesciarono il regime del dittatore Batista e l’impostazione di un socialismo tropicale, L’Avana e altre storiche città, hanno riacquistato quella dignità che nega qualsiasi virtuale contatto con quella che era la Cuba ante rivoluzione anche se, dal tessuto urbano – profondamente restaurato – alle vecchie automobili americane che ancora miracolosamente si muovono per l’isola, sono testimoni di un tempo oramai passato. Per chi volesse assaporare l’epoca d’oro del gioco d’azzardo, al giorno d’oggi esistono altri sistemi che possono essere sfruttati da qualsiasi device connesso ad Internet attraverso il quale entrare in diretto contatto con la fortuna. È sufficiente andare sul sito NetBet per tentare la sorte con tanti divertenti e coinvolgenti giochi d’azzardo come se foste davanti ad un tavolo verde attenti a sviluppare il vostro gioco.

 

   


ATTUALITA'

 

 

WASHINGTON RICORRE A


 

«METODI DI TERRORE INSOLENTI»


 

Come culmine della visita ufficiale che realizza in Russia, il membro del Burò Politico e ministro delle Relazioni Estere di Cuba, Bruno Rodríguez Parrilla, ha conversato con il suo omologo russo, Serguéi Lavrov, con il quale ha toccato diversi aspetti dell’associazione strategica bilaterale. Dopo l’incontro, in una dichiarazione con la stampa, il visitatore ha condannato le sanzioni unilaterali degli USA e «la politica d’isolamento che si sta applicando contro la Federazione della Russia, anche negli organismi internazionali». La Cancelleria cubana ha pubblicato nella sua web che il ministro, ugualmente, ha condannato l’espansione della NATO vicino alla frontiera russa, espansione che ha portato all’attuale conflitto in Europa, specialmente tra Mosca e Kiev, ed ha incitato a una soluzione diplomatica costruttiva e realista della crisi che esiste nella regione. Lavrov ha reclamato la cancellazione di Cuba dalla lista degli Stati patrocinatori del terrorismo, «un’anomalia assoluta», e che la stessa Washington ricorre a «metodi di terrore arroganti». Mosca, ha aggiunto, continuerà a prestare assistenza umanitaria a l’Avana, dato l’impatto negativo del blocco illegale imposto dagli USA. Il Cancelliere cubano ha reso un omaggio al leader storico della Rivoluzione Cubana, Fidel Castro Ruz, davanti al monumento a lui dedicato e ha visitato la tomba del Milite Ignoto per onorare gli eroi della Grande Guerra Patria.


 

LA BIRRERIA BUCANERO S.A. È LEADER NEL MERCATO


 

DEI BARILOTTI, NEI CARAIBI E IN AMERICA CENTRALE


 

Come parte di un progetto che vuole ampliare l’offerta di prodotti e soddisfare la domanda nel mercato nazionale e internazionale LW Cervecería Bucanero S.A. ha inaugurato la sua seconda linea di barilotti, ha informato la ACN. Nella sede della fabbrica nella provincia di Holguín, Luis Miranda Bouillé, direttore tecnico della birreria ha confermato che la nuova struttura permette che l’impresa sia preparata per l’espansione del turismo internazionale prevista nel paese in circa quattro milioni di visitatori per anno e pone Bucanero S.A. come leader nel mercato dei barilotti nei Caraibi e in America centrale. L’investimento viene considerato il piu forte degli ultimi due decenni nella fabbrica, ed ha il principale obiettivo d’accrescere il volume delle birre e soddisfare l’ampia domanda del turismo, la gastronomia e le forme di gestione non statale del paese. Erick Williams Abreu, direttore generale dell’impresa mista, ha spiegato che questo investimento valutato in circa 4.000.000 di euro, raddoppia la resa dell’impianto della birra. La linea e un’altra del suo tipo, avranno una capacità produttiva di circa 475.000 ettolitri, cioè 5.000.000 di casse di birra per anno. Ogni barilotto, ha detto, ha una capacità di 30 litri e il loro uso migliorerà l’esperienza del consumo, offrendo una maggior diversità della bevanda nei dispenser di ristoranti, bar e hotels, con l’opportunità d’offerta di varie marche in forma simultanea ai clienti, e tra queste Cristal, Cristal Extra e Bucanero. Nella strategia del commercio del prodotto, ha precisato che saranno utilizzati i dispenser a doppia uscita e da tavola, investendo in maniera parallela in cristalleria, apparati per il freddo, vassoi e dispensatori, e si prevede per quest’anno l’installazione di 1 800 apparati di questo tipo, dei quali 863 destinati al turismo. Nonostante questo investimento la Bucanero S.A. non smetterà di produrre altri formati e – come ha detto il suo direttore generale a Prensa Latina, - oltre a questa seconda linea di barilotti, ha detto, si prevede nei prossimi due anni di ristabilire la capacità della linea delle bottiglie e ha precisato che per questo progetto, prima di tutto, si rimpiazzeranno l’etichettatrice, la riempitrice e i trasportatori delle bottiglie e questo permetterà di raddoppiare il volume di birre e di malta. Con l’uso di barilotti e bottiglie l’impresa potenzia l’uso di una confezionatrice circolare, ha risaltato Williams Abreu, sottolineando che queste forme di commercio ratificano l’impegno con il riciclaggio e la cura dell’ambiente. Miranda Bouillé ha precisato che la birreria lavora arduamente per la riduzione della domanda di acqua, d’energia e l’emissione di diossido di carbonio. Attualmente l’impresa conta con un ventaglio che riunisce le birre Cacique, Mayabe, Cristal, Bucanero e la malta Bucanero, oltre a prodotti

come Premium Bucanero Max, la Cristal Extra e la malta Perla Negra. Alberto López Díaz, ministro dell’Industria Alimentare, ha partecipato all’inaugurazione con altri rappresentanti di questa industria nel paese.

 


 

 


 

PROMUOVERANNO IL TURISMO DI SALUTE E

 

BENESSERE IN CUBA
 


 

Yamila de Armas Águila, presidente della Commerciante dei Servizi Medici Cubani, ha detto in una conferenza stampa che la II Fiera Internazionale del Turismo Medico e Benessere promuoverà servizi di salute per il miglioramento della qualità di vita e dare soluzioni a problemi di chi decide di viaggiare a Cuba. Questa Fiera si svolgerà dal 21 al 25 aprile del 2025, nello spazio fieristico Pabexpo, e permetterà di mostrare il nuovo ventaglio di prodotti, scambiare esperienze nella modalità del Turismo di Salute, con la presenza della rete nazionale, composta da 13 succursali, cinque cliniche internazionali a l’Avana e 48 sale d’assistenza medica internazionale, tre centri di salute e villaggi anti dipendenze, nove cliniche in poli turistici, sei centri termali e balneari, 68 farmacie e dieci ottiche internazionali, ha segnalato la dirigente. Un altro proposito è apprendere da simili esperienze in questo campo e consolidare alleanze, perché la nazione cubana ispira e risana, e inoltre conta con la forza del suo Sistema di Salute, e da lì l’importanza di far rivivere e rilanciare il turismo medico e del benessere, ha commentato. Armas Águila, ha detto che l’obiettivo principale sarà trasformare la destinazione Cuba nella preferita del mondo e per questo nella stessa Fiera si realizzerà un seminario teorico su questo tema, per analizzate tendenze e impiantare nuovi servizi nel gratificante cammino di sanare. Inoltre si realizzerà il III Forum degli Investimenti stranieri nella Salute per coordinare processi d’investimenti con capitale straniero, come stabilisce la Legge 118 con una cartella rinnovata per acquisire fonti di sviluppo per il settore della salute. Si consegnerà, per la seconda volta, il Premio del Turismo Medico e del Benessere, dedicato a personalità, istituzioni, organizzazioni e mezzi di comunicazione segnalati, sia cubani che stranieri.

 


 

CHE MARIEL SIA, NEI CARAIBI, UN RIFERIMENTO

 

LOGISTICO PER ECCELLENZA

 

La Zona Speciale di Sviluppo Mariel (ZEDM) ha tutte le possibilità obiettive per crescere nei prossimi anni, ha affermato la sua direttrice generale, Ana Teresa Igarza Martínez. Nello spazio televisivo Mesa Redonda, ha aggiunto che a dieci anni dalla sua creazione si lavora all’applicazione della cornice di regole per dotare di maggiori incentivi, benefici, agilità e meno burocrazia per gli investitori che vi si stabiliscono. «È importante continuare a captare affari, ma anche incrementare il livello di produzione di ognuno dei nostri impianti industriali per, articolandolo con l’economia interna, riuscire a coprire il mercato nazionale a prezzi competitivi ed esportare nella regione», ha sottolineato. Poi ha risaltato la presenza d’imprese con capitale al 100% cubano, che appoggiano il resto dell’investimento straniero ubicato nella Zona con la mira in un solo obiettivo: lo sviluppo della ZEDM e la prosperità della nazione cubana. Leonardo Sosa Barrios, direttore aggiunto del Terminal dei Contenitori Mariel, ha segnalato che a breve e medio termine sono concentrati nel commercio del nuovo canale d’accesso per attrarre trasporti internazionali, con l’aumento della connessione di Cuba con altri porti della regione e la continuità nello sviluppo dei sistemi automatizzati. Inoltre si considera il miglioramento dei processi di gestione che includono l’intelligenza artificiale, la riconversione degli strumenti tecnologici e portuali, la formazione e lo sviluppo dello staff di lavoro nell’abilità tecnica e l’innovazione per sostituire le importazioni. L’investimento e la materializzazione di nuovi progetti si articolano non solo con gli impianti in aerazione e con progetti nuovi d’investitori che si stabiliranno nella ZDEM, ma anche con il settore delle imprese statali e private, e si continuerà ad avanzare per materializzare la posizione di Mariel come un hub logistico nella regione dei Caraibi.

 


AMERICA LATINA
 

I GIOCHI CHE HANNO AVUTO ORIGINE IN SUD AMERICA

Il Sud America è una regione nota per le sue tradizioni e cultura. Le persone che vivono qui sono tra l’altro gentili, amichevoli e ospitali. Premesso ciò, va altresì aggiunto che mentre questo territorio è principalmente conosciuto per la sua musica, i balli tradizionali e la cucina straordinaria, le persone che vivono qui amano anche un'altra attività ossia i giochi da casinò con alcuni di questi che sono persino nati in loco.

Il boom dei giochi online in Sud America

Fino a pochi anni fa, gli unici posti in cui in Sud America e in parte di quella centrale era possibile divertirti con i giochi di casinò erano le strutture terrestri. Nel 2015 è nata una nuova tendenza che va sotto il nome di casinò online e le popolazioni locali ne sono state molto attratte. Questi siti infatti offrono grandi vantaggi rispetto ai casinò tradizionali in quanto forniscono un'esperienza di gioco unica. Ci sono tra l’altro molti giochi di qualità tra cui scegliere, i siti sono sicuri e accettano numerosi metodi di pagamento. I giochi da casinò sono creati da alcuni dei fornitori più rinomati al mondo e presentano decine di elementi che si richiamano propri alla cultura latino-americana.  Questo gioco ha preso piede in tutta Europa, nonostante, la sua fama, non ha mai potuto superare quella del blackjack, oggi molto giocato anche nel nostro paese, grazie agli operatori legali come starcasino.it/blackjack, con... [segue]

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.     
Questo sito può essere oggetto della protezione accordata dalla Legge sul Diritto d'Autore (Legge 633 / 1941)  
 
privacy e note legali -
CREDITI -  Tutti i diritti Riservati Copyright ©2000- 2024

direttrice della informazione da Cuba: Gioia Minuti